twitter twitter

Il Roccobabà di Emilio

Scritto da Giulio Orsi il giorno Domenica, 21 Agosto 2011. pubblicato in: Sapori del Mondo

La migliore pasticceria italiana

Il roccobaba di Emilio
Si dice che un grande pasticciere può diventare un grande chef, non il contrario... Il pasticciere ha fantasia e sa come legare i sapori dei vari ingredianti per ottenere il massimo gusto per il piacere del palato.
Non sono un esperto di pasticceria e neppure di cucina, ma di certo so quando una cosa è buona, quando una ricetta o un dolce mi ha veramente stupito e deliziato e quando no.
 
Da campano che sono, avrei dovuto conoscere da tempo il dolce del momento, il famoso Roccobaba di Emilio il pasticcere.
Però l'assenza prolungata dalla terra natia, mi ha lasciato distaccato dalle novità e dalle creazioni importanti realizzate nel mondo della cucina e della pasticceria.

Agosto, caldo torrido di una estate incerta fino al mese di Luglio. Quest'anno le vacanze sono un ritorno alla mia terra, alla mia città, Capua, sopratutto ritrovare parenti ed amici che da tempo non vedevo, vedevamo.

Per ferragosto, pranzo ricco a casa di mia sorella. Deciso il menù con molta disinvoltura, una grigliata mista, manca solo il dolce. Mio cognato Patrizio, e il suo amico e vicino di casa Enzo decidono per il roccobabà da prendere l'indomani. Mi rendo disponibile ad accompagnare Enzo per prendere questo dolce che dal nome non mi da una buona impressione, non faccio domande mi fido di loro certo che sarà un ottimo dolce. Così il giorno dopo, al mattino, io ed Enzo partiamo per Casal di Principe, paesino della provincia di Caserta, meglio noto per altre vicende di cronaca che per la buona pasticceria. Arrivati da Emilio, resto sbalordito, esterrefatto... dico ad Enzo: "questa non è una pasticceria, ma una gioielleria del gusto." Lui, con fare tranquillo e aria fiera, mi guarda ed annuisce alla mia affermazione.

La pasticceria piena di persone in coda, per prendere il proprio dolce preferito, chi paste, chi roccobabà, chi pasticcini... tutte dall'aspetto invitante. Tra me penso, altro che grigliata, basta star qui un paio di ore per saziarmi anche solo con gli occhi. Noi, quindi, confermiamo il roccobabà, ne prendiamo due da 1 kg che dovrebbero essere sufficienti per 12/15 persone.

Il roccobabà, l'aspetto esteriore somiglia ad una mezza sfera o una campana schiacciata, tutto ricoperto di cioccolato che si confonde con la sottile patina bianca di ghiaccio creata dalla differenza di temperatura tra il frigorifero e l'ambiente esterno una volta portato fuori dal frigo, ma  solo per pochi minuti. Contornato da fiocchi di panna, ed anche sopra un fiocco di panna. Viene preparato a meno 18 gradi e va servito freddo a zero gradi, anche in inverno.

L'interno invece è fatto dal classico babà con un cuore di gelato. Dal sapore decisamente delizioso, squisito. Dopo la prima fettina, il desiderio è mangiarne subito una seconda e, forse anche una terza, una quarta...

Il roccobabà nasce nel 1999 dalla fantasia e dall'arte pasticciera di Emilio, perfezionato poi negli anni successivi. Il suo nome è un marchio registrato ed è inimitabile in quanto protetto dal diritto di autore. La ricetta giustamente e gelosamente custodita dal creatore, non può essere riprodotta allo stesso modo. Il dolce, che prende il nome dal famoso stilista di moda Rocco Barocco, rappresenta a mio dire tra il meglio della pasticceria italiana.

Parlano di Emilio e del Roccobabà anche: 

La Repubblica di Napoli

Original Italy

Nota: Alcune immagini contenute dal presente articolo sono state condivise da google immagini e dai siti citati, accessibili a chiunque, ma appartengono ai relativi proprietari. Due immagini sono state prodotte dal sottoscritto.

 

 

Condividi questo post

In merito all'Autore

Giulio Orsi

Giulio Orsi

La mia vera passione è la tecnologia, mi definisco un incurabile curioso e cerco di tenermi aggiornato su tutte le evoluzioni del mondo tecnologico. Da qualche anno mi sono appassionato al web, avvicinandomi al mondo dei cms (software per gestire contenuti web) ho realizzato questo blog cercando di conciliare le passioni sia mie e sia di Ines.

 Mi piace lo sport, non lo pratico come una volta, ma seguo molto il calcio e l'equitazione...

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Seguici Su

Privacy Policy

Informazioni Sito

I contenuti presenti sul sito BlogOso.it sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti dal Form Contatti.

Licenza Creative Commons